lunedì 5 ottobre 2015

Nasce il fondo Muggiò Città Solidale, per una città più "solida"


C'è il Comune di Muggiò  (insieme alle parrocchie cittadine, alle associazioni Caritas, San Vincenzo de' Paoli e Fondazione della Comunità di Monza e Brianza), c'è il Regolamento (che è stato approvato tempo fa dal Consiglio Comunale), c'è anche un logo (tante mani che si toccano in cerchio) - e ora si parte.

Il progetto innovativo nasce con l'obiettivo di dare un sostegno alle famiglie in particolari e temporanee condizioni di disagio economico (purchè si tratti di famiglie residenti da almeno un anno)  che le norme di settore escluderebbero da altre forme di sussidio perché prive dei requisiti.

Si tratta di un importante risultato che il sindaco Maria Fiorito aveva promesso di realizzare nel suo programma elettorale con cui ha vinto le elezioni poco più di un  anno fa che consiste in un aiuto creato appositamente per chi non può ricevere altri aiuti, nella convinzione che la solidarietà "rende "solida" la Città", citando un ben noto passaggio dal discorso del cardinale Tettamanzi in occasione della festività di Sant'Ambrogio del 2004.

Anche diversi Comuni brianzoli hanno già da anni un Fondo di solidarietà simile a quello appena nato anche a Muggiò, e poi, come non ricordare il primo e più più famoso di tutti: Fondo famiglia e lavoro della Diocesi Milano, voluto dallo stesso arcivescovo Tettamanzi nel 2008  per fronteggiare l'imperversare della crisi economica.

Il Fondo Muggiò Città Solidale è gestito da un comitato composto dai cinque membri che rappresentano tutte le realtà che hanno sottoscritto l'accordo di collaborazione.
Una commissione, appositamente istituita secondo il regolamento approvato dal Consiglio Comunale, valuta le singole domande di intervento e dispone l'erogazione del contributo.
 
Il servizio è attivo dal 1 ottobre e per saperne di più cliccare qui per aprire la pagina del sito web del Comune di Muggiò dedicata al Fondo.

5 commenti:

  1. Sembra che in questo comune lavori solo il sindaco, la stampa locale non la cita nemmeno forse la verita' come sempre nel mezzo.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Sul progetto del Fondo Muggiò città solidale è proprio così: fu Maria Fiorito a inserire la proposta nel suo programma elettorale e a seguire passo dopo passo l'intera evoluzione dello strumento di aiuto, e questo non può saperlo alcun giornalista della stampa locale (con rispetto parlando per il loro lavoro).

    RispondiElimina
  4. A me risulta che anche le associazioni abbiano lavorato e NON poco per arrivare al risultato finale. sara' pure partita dal sindaco durante la campagna elettorale, ma senza le associazioni queso Fondo non sarebbe mai decollato. Percio' dire che e' proprio cosi', si pecca un po' di presunzione o di ignoranza. Ora speriamo che inizi il suo scopo al piu' presto.

    RispondiElimina
  5. Dal sito del Comune, che mi sembra un pochino piu' obbiettivo di voi: ...:""Nato dalla collaborazione tra Amministrazione Comunale, Parrocchie cittadine, Associazioni Caritas e San Vincenzo e Fondazione della Comunità di Monza e Brianza................""

    RispondiElimina