lunedì 3 febbraio 2014

MARIA FIORITO E’ IL ‘CANDIDATO SINDACO’ DEL PD - “CAMBIARE SI PUO’, ANZI SI DEVE: INSIEME!”

Don Milani in ‘Lettera a una professoressa’ diceva : «Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio; uscirne insieme è la Politica». Fare Politica, Amministrare la Cosa Pubblica vuol dire unirsi fra più persone per affrontare insieme un problema, un progetto, un percorso, ognuno con le proprie competenze, con apertura mentale, generosità, onestà perché ogni persona può essere portatore di buone idee, capacità operativa competenze.  I valori fondanti della visione di una politica amministrativa condivisa  sono: confronto aperto e costruttivo, collaborazione con tutte le forze sociali, con i gruppi, con le singole persone in modo aperto e trasparente. E i modi per rendere sempre più trasparente e partecipata l’azione amministrativa ci sono e li troverete ai primi posti del Programma che andremo a strutturare. 
Perché abbiamo scelto di “ufficializzare” la mia candidatura proprio qui e in questo modo, qual è il valore simbolico di questa scelta?
Innanzitutto vorrei sottolineare la presenza di un gruppo non so se sia uno stereotipo o sia connaturato davvero all’essere donna, non so se la mia professione d’insegnante (la più grande passione della mia Vita) mi abbia portato a maturare questa convinzione io so solo che sono e sarò sempre determinata a lavorare in gruppo. Nella mia visione strategica c’è la volontà di valorizzare la squadra e cercherò di trovare in chi ho davanti le doti migliori al fine di riuscire, in concerto, a raggiungere l'obiettivo comune.

Il gruppo che mi accompagna (e scelgo volutamente il termine ‘accompagna’ che ha un significato ben diverso dal ‘sostenere’) è come vedete un gruppo eterogeneo, fatto di personalità, storie, sensibilità ben diverse: abbiamo la freschezza e la determinazione di coloro che hanno un’esperienza politica più recente: Francesco, Carmelo, Alberto, ma abbiamo anche la maturità, la saggezza, l’onestà e la perseveranza di Antonio. Aleggia tra noi la presenza di Carlo Fossati (che non è presente solo perché si è concesso una breve vacanza in montagna), un Sindaco a cui devo molto: nel suo ufficio in Comune c’era un poster con una frase biblica: “Alla sera della vita ciò che conta è avere amato”. Io sono cresciuta politicamente e umanamente leggendo quasi ogni giorno quelle parole.

Ogni nostra azione sia politica sia amministrativa è e sarà orientata all’amore per la nostra città e per tutti coloro che in essa vivono.

Come potete verificare oggi c’è uno sbilanciamento al maschile, ma non sarà così in futuro: noi c’impegniamo fin da subito a costruire una squadra di governo in cui la presenza femminile sarà paritetica: 50% donne 50% uomini.

Perché proprio davanti al Multiplex?
Quando vi abbiamo chiesto di incontrarci qui avrete probabilmente pensato che avremo condotto un attacco frontale a chi ha permesso la realizzazione di questo scempio, a chi ha squarciato il parco con questa ferita sempre più aperta … ma non è così: noi non ci candidiamo  contro qualcuno, ma siamo qui per l’amore che abbiamo per la nostra città che non merita tutto ciò.
Questa multisala cinematografica, che è nata senza un piano industriale che la sostenesse, è il simbolo di come una cattiva amministrazione possa produrre danni difficilmente sanabili. Siamo qui per dire MAI PIU’, NOI NON PERMETTEREMO MAI PIU’ UN MASSACRO SIMILE DEL TERRITORIO. Saremo dunque aperti e disponibili nei confronti di coloro che acquisiranno la struttura, favorendo tutti quei piani industriali (strutturati e realizzabili) che possano almeno in parte compensare il danno subito.

La gestione del territorio avrà dunque per noi un’importanza strategica.
In coerenza con la nostra visione garantiremo la salvaguardia di quel poco di territorio non ancora urbanizzato, favorendo i recuperi edilizi e i piani integrati d’intervento laddove insistono aree dismesse. Muggiò sarà con noi una CITTA’ SOSTENIBILE: creeremo un modello cittadino dove l’amministrazione e i cittadini coopereranno per ridurre i consumi e l'inquinamento e per non usare le risorse disponibili (acqua, aria, elettricità, carburanti, ecc… ecc…) in maniera eccessiva e inadeguata.
Si porterà avanti questo progetto coinvolgendo non solo noi ma tutte le amministrazioni, a partire da quelle a noi limitrofe, che vorranno sperimentare un nuovo modello di municipalità. Come dicevo all’inizio, LA POLITICA È USCIRE DAI PROBLEMI INSIEME.

Ultimo “simbolo”: perché siamo qui al freddo e all’aperto (e per quello che mi riguarda neppure in perfetta forma fisica)?
Siamo qui perché intendiamo avviare il percorso che ci porterà al governo della città stando DAVVERO nella città, non chiudendo gli occhi di fronte ai problemi, ma determinati a trovare ad essi una soluzione, anche quando sembrano apparentemente irrisolvibili, anche quando sembra tutto più faticoso, anche quando ci si presentano condizioni avverse.
Noi ci saremo sempre: quando sarà bello e quando pioverà. 

Inizia oggi un itinerario a tappe a cui puntualmente verrete invitati,  che ci vedrà instancabili maratoneti. Siamo forti, coesi e determinati. Vogliamo dare un messaggio di speranza e di fiducia nel futuro a tutti i nostri concittadini, perché si può e si deve cambiare, si deve perseguire un’elevata idea di città nella consapevolezza che VOLA SOLO CHI OSA FARLO”.  Con queste parole  concludiamo la presentazione, con queste parole apriamo le porte a chiunque desideri osare volare alto insieme a noi!
       
                                                                                         Maria Fiorito

P.S. Questo è il testo da me consegnato alla stampa il 1° febbraio.

Nessun commento:

Posta un commento