giovedì 7 giugno 2012

No comment



4 commenti:

  1. Complimenti al 'Giornale di Monza' per il titolo efficace come una staffilata di frusta. Spero che la notizia raggiunga tutti quei cittadini muggioresi che stanno tirando la cinghia per arrivare a fine mese, mentre il sindaco e la giunta si sono preoccupati di comperare mobili nuovi. Se c'è da rottamare qualcosa non sono i vecchi mobili (che erano più che decorosi) ma questa amministrazione di centrodestra, incapace di individuare i problemi veri della città e di non scialare i soldi dei cittadini per cose effimere.
    Carlo Fossati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io so che la polizia locale è carente di personale,,e tagli a ferie e riposi,o cambi turno, sono la normalita,,per effettuare il terzo turno,.........con il rischio di non riuscire a fare bene uno è l altro....

      Elimina
  2. certo che sapere si sia rispettato il patto di stabilità per € 1,00 e venire a sapere che si sonoi spesi € 25000,00 per il mobilio Comunale fa un po pansare, e il pensiero che mi sovviene è proprio quello che le spese inutili ci sono, gli spechi continuano, mentre il cittadino si vedrà aumentata l'IRPEF e maggiorata l'IMU. Complimenti ai cervelloni che Muggiò erroneamente ha messo nei posti di comando, per non parlare poi dei costi dei nuovi dirigenti.
    Un caro saluto
    Domenioc Angiola IDV e ICR

    RispondiElimina
  3. Caro Domenico, magari 25mila uro fossero stati spesi per "mobili comunali" (anche il personale del Comune ha diritto a lavorare in un ambiente sicuro e confortevole).

    Qui si sta parlando di 25mila euro spesi per l'ufficio del sindaco e degli assessori che attualemtne sono 6. C'è da ricordare che fra due anni (nel 2014) gli assessori saranno solamente 4 per effetto della legge sul taglio dei costi della politica.

    Una scelta legittima ma inopportuna in un momento di casse vuote in cui il Comune deve "centellinare" ogni euro che spende e ogni giorno molti muggioresi si sentono ripetere da questa maggioranza che "non ci sono soldi".

    I tagli ci sono e far quadrare i conti del COmune è un'impresa ardua ma anche le scelte di questa maggioranza sono molto opinabili. Fra qualche settimana inizieranno per il terzo anno consecutivo i 45 giorni ininterrotti di festa nel parco di Villa Casati. I costi dei primi due anni li sappiamo, ora attendiamo i costi di quest'anno. Un saluto

    RispondiElimina