lunedì 11 aprile 2011

Il programma del centrodestra? Carta straccia

Il programma elettorale, per chi governa, dovrebbe essere alla base delle scelte, per una questione di coerenza e di rispetto dei propri elettori. Così non è per il centrodestra a Muggiò. A pagina 9 del suo programma elettorale si afferma di voler introdurre negli strumenti urbanistici una "maggiore tutela del Parco del Grugnotorto con valutazione di un possibile ampliamento nella zona nord di Muggiò." Ciò in forza "della lungimiranza e della sincerità dell'impegno delle forze politiche (PDL e Lega) che sostengono il candidato sindaco Zanantoni nel campo della valorizzazione e della difesa del verde pubblico", come sta scritto a pagina 7 del già citato programma.

E invece? Zanantoni con delibera del 23.11.2010 propone alla Provincia di Monza e Brianza - che sta predisponendo il proprio strumento urbanistico (PGCT) - di escludere dagli "ambiti agricoli strategici" un'area di oltre 130.000 mq - appartenente a un unico proprietario - situata proprio a nord di Muggiò. Tale area era stata classificata negli "ambiti agricoli strategici" dall'amministrazione Fossati, proprio per tutelare, con un vincolo urbanistico forte, gli ultimi spazi verdi ancora non edificati della nostra città. Il sospetto, inquietante, è invece che il centrodestra voglia concedere una qualche edificabilità su quest'area. Altro che ampliamento del Parco!

Altro esempio. Sempre nel programma elettorale del sindaco Zanantoni, a pagina 9 si afferma categoricamente: "No alla trasformazione del complesso produttivo 'Ravizza' in insediamento residenziale." Ma anche in questo caso Zanantoni sta cambiando idea. Infatti, nell'ultima seduta del Consiglio comunale ha annunciato che è in corso una trattativa con l'attuale proprietà della Ravizza per la realizzazione di un 'polo d'eccellenza' per i portatori di handicap, in cambio della possibilità di costruire edifici residenziali in luogo degli esistenti capannoni. Non entriamo per ora nel merito di questo annunciato programma d'intervento, ma vogliamo ricordare che nella precedente legislatura il centrodestra ha attaccato con animosità la giunta Fossati perchè, attraverso un cambio di destinazione dell'area Ravizza - da industriale a residenziale -, aveva in programma di realizzare su quest'area un polo culturale (biblioteca, auditorium ...) e un centro di aggregazione giovanile. Come mai questo 'volta gabbana' da parte dell'amministrazione Zanantoni? Non importa più nulla - come sosteneva allora il centrodestra - che la città diventi un dormitorio e che si tolga spazio alle attività produttive in questo momento di crisi occupazionale? E la Lega Nord che aveva raccolto 300 firme contro questa 'cementificazione' della Ravizza, non ha più niente da dire?

Zanantoni sta dimostrando coi fatti che il suo programma elettorale è per lui carta straccia. E i suoi buggerati elettori che ne pensano?

Antonio Vendramin & Carlo Fossati
consiglieri comunali

1 commento:

  1. Pare ci siano state delle rivisitazioni (+30%) di volumetria in un intervento che verrà realizzato in via luogo pio...potete fornirci informazioni al riguardo ed eventuali vostre iniziative in merito...

    RispondiElimina