sabato 16 aprile 2011

A Muggiò azzerati i fondi per il trasporto pubblico

Indovinate quanti soldi sono stati stanziati nel Bilancio 2011 per il trasporto pubblico locale dalla Giunta di centrodestra per la città di Muggiò? Zero.

Non è un errore di stampa, e neppure una dimenticanza di qualche funzionario comunale, è proprio tutto vero. Purtroppo è così: per la prima volta dopo molti decenni il capitolo che raccoglie i fondi dedicati alla mobilità pubblica su gomma è stato completamente azzerato.

Eppure tutti i muggioresi che ogni giorno, o anche solo qualche volta, hanno avuto a che fare con le linee degli autobus pubblici, hanno potuto notare i limiti di un servizio essenziale che andrebbe potenziato e diversificato, non certo tagliato con la scure, senza la consultazione della cittadinanza e senza un'attenta analisi dei bisogni dei molti cittadini che ogni giorno si recano a lavorare o a studiare fuori da Muggiò.

Bisogna subito mettere in chiaro un concetto: è la Provincia che organizza, e paga, i "servizi minimi essenziali" del trasporto pubblico locale. E' compito invece del Comune organizzare (e pagare) i "servizi aggiuntivi" che si rendessero necessari qualora i servizi minimi non fossero ritenuti sufficienti a soddisfare le esigenze della propria cittadinanza.

Questo vuol dire che a Muggiò, nonostante un taglio netto degli stanziamenti, il servizio "minimo essenziale" previsto per legge è comunque garantito dalla Provincia.

Ma il punto centrale della riflessione è tutta incentrata sulla più completa mancanza di una politica di centrodestra per il trasporto pubblico per la città ed i muggioresi; una Giunta che si accontenta di veder passare gli autobus per le strade di Muggiò senza chiedersi se il servizio che c'è sia o meno adeguato e, soprattutto, senza neppure mettere in campo le risorse economiche necessarie per pensare di migliorare un servizio fondamentale che tutti sanno benissimo che può avere molti margini di miglioramento.

Anche in questo campo, l'attuale maggioranza esce sconfitta dal confronto con l'Amministrazione cittadina di centrosinistra: nel quadriennio 2006-2009 la Giunta guidata dal Sindaco Fossati ha stanziato oltre 420.000 euro per migliorare il servizio di trasporto pubblico locale, riuscendo a portare ai muggioresi dei risultati ancora oggi ineguagliati: corse scolastiche, prolungamenti delle linee esistenti, e persino la realizzazione di un servizio completamente nuovo denominato la navetta degli ospedali, meglio conosciuta oggi come la "linea z218", che ogni giorno attraversa le nostre strade cittadine. Un risultato reso possibile dall'impegno e dalla competenza dell'ex Assessore ai Trasporti Mauro Canevari, che ha portato presso gli uffici della Provincia le esigenze dei muggioresi mettendo in piedi un progetto serio e condiviso ed ottenendo l'approvazione ed i finanziamenti necessari. Il risultato positivo - e ancora migliorabile - è sotto gli occhi di tutti: un servizio nato come "sperimentale" è oggi una linea di trasporto pubblico che è entrata convintamente nelle abitudini dei muggioresi.

Che i trasporti pubblici non siano una preoccupazione del centrodestra muggiorese, non è una scoperta di oggi: già nel lontano 2001 la Provincia di Milano soppresse la "linea 5" senza che il centrodestra muggiorese, a quei tempi al governo di Muggiò, avesse mosso un dito o sollevato qualche obiezione. Nel 2007, quando la Provincia, al termine di un farraginoso procedimento legale, attuò il provvedimento, la cittadinanza muggiorese dovette subìre la soppressione di una linea fondamentale.

Per il momento siamo al termine dell'ennesima puntata: l'azzeramento dei fondi per il trasporto pubblico locale è il sintomo più evidente di un azzeramento anche delle idee e dei progetti che dovrebbero sostenere le politiche (per ora assenti) per il trasporto pubblico dei muggioresi.

2 commenti: