giovedì 13 gennaio 2011

LA LEGA NORD CONDIZIONA TUTTO IL CENTRODESTRA IN TEMA DI INTEGRAZIONE DEGLI STRANIERI


Peccato non essere riusciti nell'ultima seduta del Consiglio Comunale a votare all'unanimità il "regolamento per gli interventi economici di sostegno temporaneo al reddito a seguito di crisi economico-occupazionale". Ci siamo arrivati vicino, ma alla fine per un'impuntatura della Lega Nord la maggioranza di centrodestra non ha accolto un emendamento, piccolo ma significativo, presentato dal Partito Democratico, costringendoci a un voto di astensione. E pensare che eravamo stati noi mesi fa a presentare in Consiglio Comunale una mozione per impegnare la giunta a creare un fondo di solidarietà per i lavoratori in difficoltà perchè licenziati, cassaintegrati, in mobilità o con contratti atipici. Questa nostra mozione allora era stata votata all'unanimità.
Anche per questo regolamento avevamo dato un nostro significativo contributo nelle commissioni in cui era transitato. Il nostro emendamento riguardava l'articolo 3, che indicava i destinatari di questo intervento di sostegno: i cittadini residenti a Muggiò, italiani, comunitari ed extracomunitari, purchè in possesso della 'carta' di soggiorno. Ricordo che la carta di soggiorno viene rilasciata agli extracomunitari dopo 6 anni di residenza in Italia. L'emendamento del PD chiedeva che i benefici venissero estesi anche agli extracomunitari in possesso del solo "permesso" di soggiorno, rilasciato al momento dell'ingresso nel nostro Paese. Parliamo quindi di extracomunitari in regola con le leggi vigenti, non di clandestini. Perchè negare questo sostegno temporaneo a un extracomunitario che ha lavorato regolarmente, pagando tasse e contributi, per il solo motivo di risiedere da meno di 6 anni nel nostro Paese? Come si fa a pensare alla moglie, ai figli di questo lavoratore in difficoltà e decidere scientemente di negare loro un minimo di solidarietà? Sono in gioco valori essenziali. E' un discorso di umanità, di equità, di rispetto di alcuni diritti fondamentali.

Le nostre argomentazioni sembravano aver fatto breccia nel capogruppo del PDL, che ha cercato di convincere l'unico consigliere leghista presente, senza però riuscirci. Un vero peccato. Su questi temi sensibili della immigrazione e dell'integrazione degli stranieri nelle nostre comunità la Lega Nord anche a Muggiò ha atteggiamenti di diffidenza e di ostilità capaci di condizionare tutta la coalizione di centrodestra. Un episodio ben più clamoroso si è consumato alcuni mesi fa quando tutto il centrodestra - anche la sua componente cattolica - ha votato contro un nostro ordine del giorno, che esprimeva solidarietà all'Arcivescovo di Milano, cardinal Dionigi Tettamanzi, fatto oggetto di un violento attacco denigratorio da parte dei massimi esponenti della Lega Nord per la sua coraggiosa difesa delle persone emarginate della nostra società, tra cui gli extracomunitari e i rom.

Noi, comunque, continueremo ad assumere comportamenti che facilitino un processo di integrazione degli stranieri nella nostra comunità, nel rispetto della legalità e delle nostre tradizioni, ma nella consapevolezza che anche loro sono portatori di valori capaci di arricchire la nostra società.

1 commento:

  1. L'amministrazione di centrodestra, dimostra non solo a parole, ma anche a fatti che non interessa l'integrazione dei cittadini. Non contribuisce a costuire una comunità più unita è solidale.

    RispondiElimina