giovedì 23 dicembre 2010

Sindaco e Vicesindaco: continua la "soap opera"



Ci risiamo. Piove sul bagnato. I contrasti fra il sindaco (PdL) ed il vicesindaco (LegaNord) continuano a lacerare il clima politico e di governo della città. Tra i due i rapporti sono sempre stati tesi come corde di violino, e sul punto di saltare in qualsiasi momento e su qualsiasi argomento.


Solo un anno fa le dimissioni del vicesindaco furono accettate in un baleno dal Sindaco. Poi però lo stesso sindaco, dopo 15 giorni, cambia idea e riprende in Giunta il suo vice riottoso.


Stavolta, i dissidi tra il "numero 1" e il "numero 2" di Villa Casati scoppiano sulle pagine di un noto giornale locale che raccoglie la lagnanza del primo cittadino che, commentando un intervento edil-energetico presso l'Istituto scolastico "Salvo D'Acquisto", ritiene il vicesindaco colpevole di avere una visione diversa dalla sua sul progetto e di aver così "perso un anno di tempo" per decidersi sulle modalità dell'intervento stesso.


Almeno tre domande sorgono spontanee:
1. se il Sindaco ritiene il proprio vice un "perditempo" perchè persiste nel mantenerlo in Giunta?
2. se il Sindaco ha promesso una lotta senza quartiere contro i "fannulloni" attuando la riforma Brunetta a Muggiò perchè non cominciare proprio dalle sacche di inefficienza che lui stesso denuncia e che con le sue nomine continua a sostenere?
3. a proposito di riforma Brunetta: qualcuno sa quanto costa (e costerà) ai cittadini muggioresi l'attuazione di una misura che - per inciso - al momento non ha scovato alcun fannullone?


Ora, anche sotto Natale, la soap opera continua. Fino a quando?

Nessun commento:

Posta un commento