mercoledì 28 aprile 2010

Scintille in aula e quella “ripicca” rabbiosa che fa saltare tutto


Di smog ci si ammala e di smog si muore. Le nostre città sono inquinate e l'Organizzazione mondiale della Sanità ha stabilito che c' è un evidente rapporto tra esposizione alle polveri sottili e mortalità per tumore polmonare.
Non solo, ma anche la posizione geografica della Lombardia non è tra le migliori: chiusa dalle Alpi, con venti deboli e scarse piogge d’inverno, le polveri inquinanti, emesse da autoveicoli e altri impianti, avvolgono come una cappa mortale tutti e tutto.

L’Unione Europea ha aperto una nuova procedura di infrazione contro l’Italia, e quindi anche contro la Lombardia e Milano, per i livelli di smog troppo alti con il pericolo di vedere miliardi di euro buttati via per le sanzioni da pagare.

Per questo motivo il 3 febbraio 2010 la regione Lombardia ha messo in campo soldi e aiuti per i comuni delle aree critiche, come incentivo per potenziare controlli sulle emissioni dei gas di scarico degli autoveicoli.

Per questo motivo il Partito Democratico ha presentato una mozione che chiedeva anche alla nostra Città di aderire all’intesa con la Regione: il Comune di Muggiò avrebbe così incassato i soldi dell’incentivo regionale oltre che contribuire all’abbattimento dell’inquinamento locale.

La maggioranza di centrodestra, durante il consiglio comunale del 27 aprile, boccia la proposta per “ripicca” verso diverse affermazioni lette su questo blog senza neanche prendere in esame la proposta, che giaceva, come lettera morta, sui banchi di ogni consigliere e del sindaco.

E’ successo tutto così, in prima serata, sotto gli sguardi sbigottiti del pubblico presente.

Arcore, Arosio, Bergamo, Bigarello, Bonemerse, Borgarello, Brivio, Canonica d’Adda, Carbonara al Ticino, Carugate, Cellatica, Cernusco Lombardone, Collebeato, Cornegliano Laudense, Cura Carpignano, Dalmine, Grandate, Imbersago, Lallio, Legnano, Lomagna, Marcheno, Marmirolo, Monza, Malagnino, Monzambano, Novedrate, Osnago, Paderno d’Adda, Pavia, Pontirolo Nuovo, Ronco Briantino, San Martino in Strada, Sant’Alessio con Vialone, Scanzorosciate, Senna Comasco, Sesto ed Uniti, Torre dè Roveri, Torre d’Isola, Treviolo, Valle Salimbene, Verderio Inferiore, Verderio Superiore.

Sono i comuni delle aree critiche che hanno già aderito per effettuare i controlli antismog e ricevere i contributi.

Le iscrizioni sono ancore aperte.

Muggiò ne è rimasta fuori.

Nessun commento:

Posta un commento