martedì 30 marzo 2010

Il centrodestra muggiorese “affossa” tutto: i disoccupati, l’arcivescovo e il buon senso

Consiglio comunale del 22 marzo: la coalizione PDL+Lega Nord, all’apparenza in gran forma, è un rullo compressore: tutto ciò che passa dalle loro parti viene appiattito e rispedito al mittente senza tanti complimenti. A farne le spese? I muggioresi, privi di una classe dirigente all’altezza della situazione, che fa della distruzione e dell’immobilismo il proprio cavallo di battaglia.
Due mozioni presentate dall’opposizione fanno registrare il più alto tasso di adrenalina. La prima chiedeva al Consiglio comunale di esprimere la propria solidarietà all’arcivescovo di Milano Dionigi Tettamanzi, pesantemente offeso dal ministro Calderoli durante l’ultima ricorrenza di Sant’Ambrogio. - Prete comunista!- e - Imam!- sono solo alcuni degli insulti che la Lega ha riservato per l’alto prelato, che a Muggiò è di casa e l’ultima visita è del novembre 2008.

Insorge contro l’opposizione il consigliere Mazza (Lega Nord) sostenendo che il suo è un partito che difende i valori cristiani dal pericolo proveniente dagli immigrati islamici in Italia e dall’invasione del burqa afgano alle donne, una lotta in cui è distinto in modo particolare l’on. Borghezio, nella difesa delle edicole che raffigurano la Madonna. Mazza conclude ricordando che l’Italia non ha lavoro per tutti e che gli immigrati rappresentano un costo per l’intera società, quindi, in sintesi, meglio aiutarli a casa loro.

Bianchessi (PDL) interviene accusando l’opposizione di aver voluto discutere un argomento, quello dell’Arcivescovo, proprio per mettere in evidenza le differenze di opinioni che ci sono all’interno della maggioranza fra PDL e Lega. In che senso? Non si sa, il consigliere non illustra le differenze, ma ricorda a tutti come la dottrina cattolica sia, per un credente, un tutt’uno da seguire in modo coerente, senza compromessi. Ad ogni modo, sostiene Bianchessi, il centrodestra non sarebbe caduto nella trappola: niente solidarietà all’Arcivescovo di Milano da parte del Consiglio comunale di Muggiò, meglio tenersi buoni i compari della Lega e meglio accettare l’idea che a difendere la Chiesa Ambrosiana sia il ruspante Borghezio nelle piazze del varesino e della bergamasca piuttosto che il Card. Tettamanzi dalla prestigiosa cattedra di Sant’Ambrogio.

Da notare l’intervento spazientito di Rizzato (PDL) che perde le staffe e ritiene più sensato discutere i problemi veri ed urgenti di Muggiò, a cominciare proprio dai tanti disoccupati della città.

Detto, fatto. La seconda mozione del PD chiedeva infatti alla maggioranza l’istituzione di un Fondo di solidarietà per i lavoratori in difficoltà economica per la perdita del posto di lavoro da istituirsi versando 0,50 € per ogni abitante muggiorese: una somma vicina ai 12mila €, poca roba, poco più che un simbolo del disagio per chi non ha lavoro, ma comunque qualche cosa di più, che si aggiungono ai 15mila euro già stanziati.

Niente da fare, la maggioranza non ne vuole sentire parlare: “Faremo altro per i lavoratori” dice Bianchessi (PDL) proponendo delle modifiche che vanno a depotenziare il documento del PD. Alla fine la mozione viene approvata all’unanimità, ma è un documento pressoché “vuoto”: niente fondo per i lavoratori, niente impegni precisi per sindaco ed assessori ma solo un impegno generico a farsi carico del problema dei lavoratori.

Cosa dirà ora il consigliere Rizzato visto il suo interesse per i senzalavoro di Muggiò? Per la cronaca: ha votato senza batter ciglio, insieme a tutti i consiglieri della maggioranza.

Tutto tace a Muggiò. perché se qualcosa si muove, ci pensa il centrodestra a fermarlo in tempo.

7 commenti:

  1. Dai tavoli della maggioranza nessuna parola..... solo RAGLI

    RispondiElimina
  2. Il populismo regna sovrano, come al solito: si dice sempre che si faranno un sacco di cose per tutti e alla fine non si fa niente per nessuno. Le case in abruzzo pagate dalla regione trentino e dalla croce rossa, i soldi della cassa integrazione che prima o poi finiranno, i soldi ai comuni che non ci sono per via della soppressione dell' ici (andate a chiedere al sindaco di desio perchè ha dato il via libera per costruire il centro pam antares), le liste che sono state bloccate dalla magistratura comunista.....tutti slogan per il popolino che contento come un vero gregge di pecore segue le indicazioni del pastore. Complimenti. Sono senza parole, e purtroppo con la consapevolezza che pur con tutti gli sforzi possibili, tutto rimarrà com' è. Una volta che si cambia il modo di pensare della gente (quello che si dice che si farà è più importante di quello che in effetti si può fare, perche si ha bisogno di essere rassicurati) è difficile tornare indietro. Non ci rimane che continuare a lavorare per far capire alla gente che vendere sogni è l' unica cosa che la destra sa fare. Al risveglio non rimane nulla.

    Saluti

    RispondiElimina
  3. Cari commentatori (che brutto, la prossima volta, anche un nome fittizio mettetelo così vi chiamerò per nome), è dura scontrarsi contro un muro di gomma, ma è la sensazione che spesso si vive in queste situazioni.

    Questo blog vuole essere uno sguardo "dal di dentro" di quello che si vive in Consiglio. Una voce che cerca di portare ad amici e simpatizzanti del PD (ma non solo) l'aula consiliare muggiorese, un luogo spesso ignorato dalla quasi totalità dei cittadini.

    Mi rendo conto dell'insufficienza del mezzo, ma può essere uno strumento utile per conoscere chi ci governa: per noi, che da qualche mese siamo all'opposizione, si rende necessario lo sforzo di comunicare, con più persone possibili e con tutti i mezzi possibili.


    Bisogna far sapere alla gente come agisce che viene votato a gestire la città.

    Spero che questo blog riesca, anche se solo in parte, nello scopo.

    Aiutateci a diffonderlo.
    Un saluto e un augurio

    Buona Pasqua.

    Alberto

    RispondiElimina
  4. A PROPOSITO DELLA MOZIONE DI SOLIDARIETA' AL CARD. TETTAMANZI PRESENTATA A MUGGIO' DAL CENTROSINISTRA E BOCCIATA DAL CENTRODESTRA, VOGLIO RICORDARE CHE IL CONSIGIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL 12 GENNAIO AVEVA APPROVATO ALL'UNANIMITA' NON SOLO UNA, BENSI' DUE (!) MOZIONI DI SOLIDARIETA' ALL'ARCIVESCOVO DI MILANO: UNA PRESENTATA DALLE OPPOSIZONI E UNA DALLA MAGGIORANZA. CERTO AVEVA DESTATO STUPORE IL FATTO CHE ANCHE I LEGHISTI SI FOSSERO DETTI DISPIACIUTI PER GLI ATTACCHI RICEVUTI DAL CARDINALE. GLI ATTACCHI, INFATTI, ERANO I LORO! RICORDO QUESTO IN PARTICOLARE AL CAPOGRUPPO LEGHISTA MAZZA E AL CAPOGRUPPO DEL PDL BIANCHESSI CHE, TRA L'ALTRO, E' UN FUNZIONARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA E, QUINDI, DOVREBBE CONOSCERE CIO' CHE AVVIENE AL PIRELLONE. BIANCHESSI NEL SUO VEEMENTE INTERVENTO NON HA POTUTO NASCONDERE UN CERTO DISAGIO, COMPRENSIBILE PERCHE', DA CATTOLICO PRATICANTE, PER RAGIONI DI OPPORTUNITA' POLITICA HA VOLUTO DIFENDERE L'ALLEATO LEGHISTA E NEGARE LA SOLIDARIETA' AL SUO ARCIVESCOVO. UNA SCELTA IMBARAZZANTE CHE POTEVA, PERO', ESSERE EVITATA, CON UN MINIMO DI CORAGGIO E DI COERENZA.

    Carlo Fossati

    RispondiElimina
  5. Carlo Bianchessi28 aprile 2010 23:25

    Ho deciso: accedo al vostro bog e scendo nella piazza virtuale. Inizio da qui: trovo i vostri commenti davvero curiosi e molto parziali. Volete fare un servizio alla verità? Pubblicate i verbali delle sedute di Consiglio!. Almeno così i lettori potranno farsi un'idea di cosa ho realmente detto in occasione della mozione contro la Lega Nord. Fossati, la prego, almeno lei non sia fazioso... Che c'entra il mio lavoro? E comunque anche qui, come in altre occasioni sul blog, lingua piuttosto biforcuta: a me in consiglio, caro Fossati, ha detto che il mio intervento era appassionato. Qui, al riparo della tastiera, dice che è stato veemente e cita a sproposito il mio lavoro (non sapendo assolutamente cosa faccio io in Regione). Ne prendo atto.

    Carlo Bianchessi

    RispondiElimina
  6. Carissimo consigliere Bianchessi, sulla parzialità dei commenti, direi che si sta scoprendo l'acqua calda: è un sito del Partito democratico e qui viene riportata la vita politica della città secondo il nostro punto di vista e secondo i nostri valori.

    Per quanto riguarda il verbale del consiglio comunale, posso dire tre cose:

    1) Verbale alla mano, Fossati ha definito l'intervento "accalorato" e non "appassionato", C'è una bella differenza.

    2) Il tuo intervento (ti dò del tu) ritengo che sia stato ben riassunto nella mia sintesi;

    3) i verbali del consiglio comunale li possiedi anche tu, sei il capogruppo del PDL, se ritieni opportuno allegare o copiare il tuo intervento come commento, fallo pure, noi, a differenza di altri, non abbiamo paura della verità, non ci nascondiamo.

    Abbiamo la schiena dritta. Anche quando questo può costare qualche conseguenza negativa.

    Alberto

    RispondiElimina
  7. Mi sembra positiva e accoglibile la richiesta di Bianchessi – capogruppo del PDL - di pubblicare sul sito del PD i verbali del Consiglio Comunale. Noi, come PD, non avremmo nulla da perdere, anzi … I cittadini potrebbero rendersi conto di come la nostra opposizione sia seria, argomentata e propositiva.

    Tento una mediazione per quanto riguarda l’intervento che Bianchessi ha fatto sulla mozione riguardante il cardinale Tettamanzi: un intervento “appassionatamente veemente”.

    L’accenno – marginale – al suo lavoro in Regione non conteneva alcuna connotazione negativa; voleva solo enfatizzare questo concetto: che il PDL a Muggiò, in questa – come in altre occasioni – non si è mostrato in linea con i comportamenti del PDL a livello regionale e – nel caso di Tettamanzi – anche a livello provinciale.

    L’altro rilievo politicamente importante che mi sento di ribadire è che per ragioni di convenienza politica (per non creare problemi con la Lega Nord) Bianchessi non ha avuto il coraggio di esprimere col voto una solidarietà all’Arcivescovo di Milano, come – credo – la sua coscienza avrebbe voluto fare.

    Concludo respingendo l’attribuzione di “lingua biforcuta”: la coerenza è per me un principio fondamentale da rispettare sempre. I verbali lo possono testimoniare. Senza rancore e nel rispetto reciproco.

    Carlo Fossati

    RispondiElimina