sabato 5 dicembre 2009

Le dimissioni del vicesindaco leghista dopo soli cinque mesi: non c'è quiete dopo la tempesta


L’ex vice sindaco Galimberti, della Lega Nord, parte e se ne va, sbattendo la porta. Eppure ci si chiede cosa ci sia dietro alle sue dimissioni. Tanti gli indizi di questi mesi, le spaccature in consiglio comunale,le voci di corridoio, gli scambi verbali, le cose dette e non dette. Una cosa è certa: La Giunta è ormai zoppa, dopo soli cinque mesi di governo e il sindaco sempre più solo e isolato.

Ora Zanantoni dovrà ricomporre un’alleanza per lui indispensabile non solo perché senza i voti della Lega il Pdl non avrebbe vinto, ma anche perché ci sono in ballo questioni di obbedienza verso i vertici superiori dei partiti: già perché per chi non lo sapesse ancora, la coalizione che governa Muggiò, e i suoi destini politici, sono stati imposti e vengono da Milano, dagli organismi regionali dei due partiti che impongono anche a Muggiò un’alleanza che la stessa Lega Nord muggiorese non gradiva al punto da indire nella scorsa primavera un referendum tra i simpatizzanti per sapere cosa ne pensassero di Zanantoni e di un'eventuale alleanza elettorale.

Alla fine però gli ordini sono ordini, Galimberti risponde “OBBEDISCO” e nacque così la coalizione che attualmente governa a Muggiò. Alla faccia del federalismo, delle autonomie locali e dell’intelligenza dei muggioresi.

Come tutti i matrimoni dettati da interesse e non da affetto e stima però, anche questo fra Zanantoni e Galimberti era destinato a terminare: dopo soli 5 mesi di governo si indebolisce quel patto elettorale fra PDL e Lega che molti giudicano fragile e fondato sulla diffidenza reciproca.

Che farà ora Zanantoni? Che faranno ora i consiglieri della Lega in Consiglio Comunale? Si aspettano gli eventi e si attende il nuovo assessore ai Lavori Pubblici, che potrebbe giungere catapultato a Muggiò da chissà dove, oppure lo stesso Galimberti potrebbe ritornare, dopo un periodo di ripensamento e di penitenza, nella squadra di Zanantoni. Dalla tragedia alla farsa? Speriamo di no.

4 commenti:

  1. Caro Suppa voi di " OBBEDISCO" siete esperti. Per 5 anni avete litigto con RC e Rolandini. Siete piu' scaltri lo avete fatto nelle segrete stanze del potere ma cio' ha fermao l'azione amministrativa e ne avete pagato le conseguenze con la sconfitta pesante di Giugno 09.
    Ricordati che la Lega e il PDL sono alleati in tutta la Lombardia e lo saranno anche alle Regionali del 2010. Che la mia candidatura sia frutto di trattative che vedevano impeganto il Coordimamento Reginale del PDL e' verissimo ma come in altri comuni ch andavano al voto o lo erano andati: per es. Monza dove la lega ha messo Mariani " imposto" da trattative anche nazionali e con qualche maldipancia locale . E per Allevi e Podesta' nelle provincie di Monza e Milano e' successa la stessa cosa. E' la politica. ciao Pietro Zanantoni ( ancora per 5 anni sindaco di Muggio') :)

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Caro sindaco, noto sempre come le tue parole vadano molto facilmente in contraddizione tra loro nel giro di poche settimane, e provo a replicare di seguito con tono pacato:

    1) la maggioranza di centrosinistra non ha subìto alcun blocco dell'azione amministrativa, anzi, tu stesso hai affermato (tra lo scorso giugno e il mese di novembre) che la giunta Fossati ha fatto tanto in tema di opere pubbliche e che tutte le opere pubbliche del 2009 e parte di quelle del 2010 sono state approvate, progettate e finanziate dalla giunta di centrosinistra (risulta dai tutti i verbali del consiglio comunale e anche da qualche tua intervista); pertanto delle due l'una: o l'amministrazione Fossati ha lavorato troppo oppure troppo poco, non possono essere vere entrambe le tue affermazioni.

    2) Non è certo con la frase "...è la politica" che si risolve la questione che ho cercato di porre. Al PD di Muggiò non è stato imposto nulla dall'esterno, nè i candidati sindaci, nè gli assessori, nè alcuno. Per cui non siamo esperti di obbedienza come vuoi far credere, ma obbediamo sempre e solo alla nostra coscienza, ben consapevoli che dobbiamo rendere conto ai cittadini di Muggiò che ci votano (e anche a quelli che non ci votano). Cosa diversa dal PDL che deve rendere conto anche a qualche dirigente milanese o monzese per aver "imposto" ai muggioresi un'alleanza elettorale e un candidato sindaco. Per quanto ci riguarda anche in tema di alleanze elettorali, tutto nasce e si sviluppa nella sezione muggiorese del partito. Niente stanze segrete, niente coordianenti regionali che ci impongono alcunchè, niente di niente di quel che dici e che invece succede regolarmente nel PDL per tutti i comuni e le province. Un metodo di vita politica che io trovo vecchio e deludente, poichè sono convinto che la prassi di imporre dall'alto una determinata persona ad una carica locale sia completamente sbagliato, perdipiù ritengo che sia un insulto alle intelligenze di chi fa politica nella città, tra la propria gente, e infine ritengo che sia un insulto alla sussidiarietà ed al concetto più basilare di democrazia rappresentativa. Ma sul concetto di democrazia e rappresentanza siamo molto diversi, altrimenti saremmo stati (forse) nello stesso partito.

    Spero di esser stato un pò più chiaro.
    Buon lavoro

    RispondiElimina
  4. Vorrei ricordare da cittadino di S.Carlo che le strade NON vedevano asfalto da 30anni, o i giardini di Via Vittorio Veneto, o il bosco in citta', le azioni per impedire il mostro PAM, disattese dal Sindaco di Desio che non mi sembra essere di ctrosinistra, la presenza del Sindaco Fossati a tutte le iniziative culturali e non della Parrocchia/Quartiere S.Carlo. Ora mi sa che torneremo in un grande letargo....tra cinque anni svegliatemi, anzi 4,5 visto che i primi sei mesi sono gia' passati....scusate ma il concerto di Natale quest'anno dove si tiene ?

    RispondiElimina